Ieri mattina la nostra azienda ha avuto l’onore e il piacere di accogliere il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, accompagnato dal Sindaco Davide Drei, dal deputato Marco di Maio e dall’Assessore Nevio Zaccarelli, insieme ai vertici locali di Confindustria.

Rita Bandini ha fatto gli onori di casa e il ministro Galletti ha potuto così apprezzare di persona il modello virtuoso di azienda – punto di riferimento per la città di Forlì e gran parte della Romagna – che ogni anno raccoglie 90.000 tonnellate di materiali di varia natura, alla gran parte di cui viene restituita nuova vita tramite il riciclo.

Il mercato del ricicloha detto Gallettié destinato con l’avanzamento tecnologico a svilupparsi verso nuove frontiere. Il nostro futuro si chiama economia circolare: produrre pensando già a come si possa rigenerare e riciclare. La Strategia per l’economia circolare che abbiamo predisposto – spiega il ministro – parte da questo imprescindibile cambio di paradigma.

È stata la prima occasione per presentare al ministro un progetto che per noi ha un’importanza strategica. – aggiunge il Sindaco DreiCi è arrivato un incoraggiamento a proseguire, riconoscendo che si tratta di un progetto pilota (partirà nel 2018 con la società Alea, costituita dai 13 Comuni del Forlivese), che sulla scorta dell’esperienza di Priula, dimostra di avere solidità. Il ministro ha chiesto di tenerlo aggiornato, interessato all’esito di un’esperienza capofila riconosciuta di valenza nazionale.
 
“Abbiamo visitato la Bandini Casamenticommenta il deputato Marco Di Maioazienda del nostro territorio che opera quotidianamente nel recupero e nella trasformazione dei rifiuti. Quella tra Amministrazioni locali e operatori privati sarà una alleanza strategica e fondamentale per la riuscita dell’iniziativa.

Leggi il comunicato del Ministero dell’Ambiente

Approfondisci la notizia su ForlìToday

Pin It on Pinterest