EmergenSea è una nuova la nuova campagna di sensibilizzazione e informazione lanciata da Marevivo che ha un titolo semplice e diretto:

Ognuno di noi può fare qualcosa per difendere il mare

L’unico modo per contrastare l’inquinamento del mare è essere coscienti e attivi in prima persona, facendo quei piccoli gesti, anche semplici, che diventano però decisivi, una volta moltiplicati nel tempo. Ecco perché Marevivo lancia #EmergenSea, la nuova campagna di sensibilizzazione e informazione a bordo di navi, nelle marine, sugli stabilimenti balneari, presso i club velici, il cui claim è “Ognuno di noi può fare qualcosa per difendere il mare”. Raccogliere e riciclare sono infatti gesti di responsabilità che contribuiscono a salvare il nostro mare.

Ogni anno, nel mondo vengono prodotte 280 milioni di tonnellate di plastica e, secondo diversi studi, si stima che oltre il 10% finisca in mare. E’ come se, ogni minuto, un camion versasse il suo contenuto di rifiuti nelle acque. Si prevede che nel 2050 le tonnellate prodotte diventeranno 400 milioni.

Sono dati che possono sconfortare, invece Marevivo, impegnata a contrastare l’inquinamento dal 1985 e che, in questi mesi, sta portando avanti una campagna contro la marine litter “Mare Mostro”, non vuole arrendersi, anzi rilancia.­­ Quest’estate arriva #EmergenSea per mettere in evidenza come i rifiuti possono diventare una risorsa.

Leggi la notizia sul sito di Marevivo

G-T6Q5M92WEF