Tre associazioni di riciclatori hanno dato vita alla Global Plastics Outreach Alliance con l’obiettivo di creare un protocollo – Global Plastics Protocol – e armonizzare le linee guida sulla progettazione e i metodi di test per valutare la riciclabilità degli imballaggi.
 

Ne fanno parte l’Association of Plastic Recyclers (APR), con sede a Washington, l’associazione dei riciclatori europei PRE (Plastics Recyclers Europe) e l’European PET Bottle Platform (EPBP). Nel corso degli anni, ognuna di queste organizzazioni ha sviluppato in modo autonomo specifici protocolli per determinare la riciclabilità e il contenuto innovativo degli imballaggi in plastica, che comportano per le aziende che vogliono adeguarsi a livello internazionale l’esecuzione di tre differenti test per raggiungere lo stesso obiettivo in termini di riciclabilità dell’imballo. Da qui l’esigenza di allineare e rendere più omogenei i protocolli, in un’ottica di globalizzazione che travalica le frontiere nazionali e continentali.
 
Aspetto ben sintetizzato da Andreas Christel di EPBP: “In un’economia globale in continua evoluzione, l’ultima cosa di cui l’industria del riciclo delle materie plastiche ha bisogno è rendere più difficile a progettisti e designer di imballaggi capire quale protocollo seguire per assicurare la riciclabilità. I nostri sforzi si muovono nella direzione di creare un vero e proprio standard mondiale per il settore”.

 
Approfondisci la notizia di Polimerica

G-T6Q5M92WEF