Durante l’ultima edizione del World Economic Forum sono emerse alcune importanti strategie per recuperare fino al 70% della plastica usata. Tre mosse per salvare il pianeta dalla plastica.

 
Riciclo

Aumentare la quantità di materiali riciclati è il primo passo da compiere. La scelta di materiali, colori, formati e di altri fattori legati al design determina la facilità o meno con cui è possibile riciclare l’imballaggio in plastica. Cambiamenti relativamente piccoli possono produrre una differenza drastica: le bottiglie realizzate in PET trasparente, come quelle utilizzate per l’acqua, ad esempio, sono molto più facili da riciclare di quelle opache. Allo stesso tempo, occorre intervenire urgentemente per implementare e migliorare le infrastrutture di raccolta e gestione del riciclo, in modo particolare in quelle regioni in cui l’utilizzo di plastica è elevatissimo, come ad esempio i paesi dell’Asia sudorientale.

 
Progettazione e innovazione

La sfida più grande è rappresentata dall’enorme quantità di plastica usata per il packaging. Parliamo di oggetti monouso come confezioni di dolci, bustine e imballaggi per fast food che sono destinati alla discarica o all’incenerimento. Sono plastiche queste, che necessitano di essere ripensate dal punto di vista della forma e delle dimensioni. Pensiamo, ad esempio, alle linguette delle lattine, che fino agli anni ’70, si staccavano e non potevano essere riciclate mentre oggi costituiscono un tutt’uno con la lattina stessa. Inoltre, i materiali non comuni hanno tassi di riciclo molto bassi, meno del 5% nel caso del PVC ad esempio. Spingere sul pedale dell’innovazione, sostituendoli con materiali più riciclabili, è il passo da compiere.

 
Riutilizzo

Oltre il 20% degli imballaggi potrebbe essere riutilizzato in modo proficuo, ad esempio, sostituendo i sacchetti di plastica monouso con alternative riutilizzabili. Uno degli incentivi maggiori è introdurre un costo per le borse di plastica, iniziativa che, nel Regno Unito ha portato una riduzione del loro uso di circa l’85%.

 
Leggi la notizia su Green.it

G-T6Q5M92WEF