L’architetto Rosa Vetrano ha creato Musicaliquida, un’installazione multi-sensoriale si avvale di un’enorme quantità di plastica raccolta, selezionata, riutilizzata e modellata in poetici oggetti luminosi che traggono ispirazione dagli abissi marini. Ogni singolo elemento è unico poiché viene realizzato manualmente in maniera quasi scultorea.

I TRE SENSI
L’installazione è pensata all’interno di un ambiente buio, schermato, dove un esercito di meduse fluttua in sospensione. In presenza di movimento si attiva un dispositivo che crea una graduale luminosità, nonché movimento, la cui intensità è proporzionale al numero di persone presenti. Il visitatore interagisce attraverso un’esperienza emozionale di notevole effetto suggestivo accompagnato dal suono e dall’odore del mare che si sprigiona nell’ambiente.
 
FILOSOFIA
Le creature marine di “m u s i c a l i q u i d a” simboleggiano il mare che urge difendere, ovunque nel mondo, dall’inquinamento causato dalla cattiva gestione dei rifiuti. L’artista utilizza l’originale creazione per sensibilizzare alla tutela dell’ambiente e, in particolare, dei mari: l’idea è quella di stimolare nei cittadini comportamenti responsabili che, a partire dalla raccolta differenziata, favoriscano il riciclo dei rifiuti per trasformarli in prodotti utili e inaspettati. È in quest’ottica che si consolida, da un lato, il rapporto di partenariato tra lo Studio di Architettura “Rosa Vetrano” e l’Associazione no profit “The Blue Dream Project”, a cui verrà destinato parte del ricavato della vendita delle lampade meduse; dall’altro lato, prende forma il coinvolgimento di COREPLA, il Consorzio Nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica”.

 
Quando: dal 24/11/17 al 31/12/2017
Dove: Palazzo Mocenigo Museo del Tessuto e del Cotone – Venezia
 
Approfondisci la notizia su Venezia Today
 
Vai al sito di Musicaliquida