Quanti pannolini consumano i neonati ogni giorno?
 

Chi ha avuto a che fare con i neonati sa quanti pannolini si consumino ogni giorno e quanto incidano non solo sul bilancio familiare, ma anche sulla quantità di rifiuti prodotti: da oggi, però, i prodotti assorbenti non finiranno nella spazzatura, ma verranno riciclati e riutilizzati.
Succederà a Lovadina di Spresiano (Treviso), nel primo impianto su scala industriale al mondo in grado di riciclare il 100% dei prodotti assorbenti usati (pannolini per bambini, per l’incontinenza e assorbenti igienici), trasformandoli in materie prime ad alto valore aggiunto come plastica, cellulosa e polimero super assorbente che potranno essere riutilizzati in nuovi processi produttivi. La tecnologia sviluppata e brevettata in Italia da Fater Spa, joint venture paritetica fra Procter & Gamble ed il Gruppo Angelini, renderà riutilizzabile – informa una nota della società, cui è andato il riconoscimento Legambiente di “Circular Economy Champion”, conferito direttamente dalla Commissione Europea – una categoria di prodotti sino ad ora non riciclabili.
 
L’impianto, unico in Europa e nel mondo, ha come obiettivo quello di trattare, a regime, 10.000 tonnellate l’anno di prodotti assorbenti usati, così servendo una popolazione di circa 1 milione di persone. Sarà ubicato presso la sede di Contarina Spa, società che si occupa di gestione e di raccolta dei rifiuti in 50 comuni del bacino Priula.
 
I vantaggi ambientali iniziano con l’eliminazione dei prodotti assorbenti da discariche ed inceneritori, che evita emissioni equivalenti a quelle assorbite ogni anno da oltre 30 mila alberi. Se esteso a tutto il territorio nazionale, questo sistema industriale consentirebbe di ridurre le emissioni climalteranti prodotte ogni anno da oltre 100 mila automobili. Nell’impatto ambientale va considerato anche il ruolo del riciclo: da 1 tonnellata di rifiuti raccolti in maniera differenziata sarà possibile ricavare fino a 150kg di cellulosa, 75kg di plastica e 75kg di polimero super assorbente, che potranno essere impiegati in nuovi processi produttivi restituendo dunque una nuova vita ai prodotti assorbenti usati.

 
Approfondisci la notizia su La Tribuna di Treviso

Leggi la notizia sul sito di Contarina S.p.A.

G-T6Q5M92WEF